Provincia di Pescara

La provincia di Pescara, estesa per 1.225 Kmq, si allunga, a forma di cuneo, dal litorale adriatico alle vette dei massicci centroappenninici, riassumendo nella sua morfologia i motivi dominanti di tutto l’Abruzzo. Sul piano geomorfologico e geolitologico si distinguono due zone: l’esterna, costiero-collinare, in cui dominano i dossi argillosi degradanti verso il mare; l’interna, montana, costituita dai massicci appenninici di natura carbonatica.

Il sistema orografico appenninico comprende il versante nord-orientale del Morrone, il settore nord- occidentale della Majella, inciso da profonde valli e spettacolari canyons, e le estreme propaggini sud- orientali del Gran Sasso d’Italia. L’area sorgentifera più importante è Capo Pescara, nei pressi di “Popoli”, ad una quota di circa 250 m s.l.m.

Loreto Aprutino

Vitigno/ Montepulciano d’Abruzzo, Trebbiano d’Abruzzo

Caratteristiche pedoclimatiche

Montepulciano d’Abruzzo e Trebbiano d’Abruzzo. Territorio particolarmente vocato per le viticolture, che godono delle fresche brezze in arrivo dal mare Adriatico

Altimetria

350 metri

Provincia
di Chieti

Provincia
di Pescara

Provincia
di Teramo

Provincia
di L'Aquila